16/12/2021

La Stangata (Vincente) D3 Gir.D: Silver Lining - Rising Eagles 3 - 5
ci sono 0 commenti ci sono state 208 letture

Desiderio di riscatto.


Adrenalina a fiumi.


Quella che la mattina stessa Lorenzo trasmette ai compagni per andare nella tana del nemico a combattere sì con intrepido coraggio, ma senza mai cedere mentalmente alla rischiosa tentazione di forzare la mano contro una compagine sulla carta nettamente più forte.


Favolosa e sbalorditiva impresa per le Rising Eagles, che bastonano il quotato Silver Lining grazie ad una sapiente prova d’orgoglio, ed escono indenni da Cormano col bottino pieno al giro di boa, impartendo ai rivali una severa lezione: la ruota gira.


Silver Lining si schianta su un muro ardente di fermezza e solida determinazione, rinforzato dalla nostra incrollabile voglia di affrancare l’onore dei compagni di club.


Micidiale stangata a coloro che hanno peccato di superbia e vanagloria.


Il match:


  1. Il capitano Lorenzo si batte per primo, avverso alla giovane ma rodata promessa di serie B femminile Martina Maso (3700 punti). L’avversaria si distingue per un’ottima tecnica di base ed un gioco regolare e aggressivo. Soffre però la pressione e fa fatica ad adattarsi alle variazioni di gioco. Niente di meglio per il capitano nostrano, col suo gioco spiazzante la manda in confusione, poi la asfalta spezzando sistematicamente il ritmo grazie alle variazioni di spin.


3-0. 1-0 Rising. Partita a senso unico.


  1. Scende in campo il nostro top player Winfred avverso a Ghioni. La sfortuna si mette di traverso, 5 minuti prima dell’inizio della partita gli strascichi dell’infortunio patito si fanno sentire, mettendo in serio dubbio la sua partecipazione. Win decide stoicamente di stringere i denti e scende in campo in nome della causa comune. Purtroppo la condizione precaria rende il suo gioco, solitamente spettacolare ma dispendioso, vulnerabile agli attacchi di Ghioni che lo costringe a giocate forzate e parecchi errori.

Sotto due set a zero, grazie soprattutto al fondamentale apporto strategico dei compagni Yoshi e Vale dalla panchina, capisce come giocare più efficacemente. Abbassa il ritmo e si batte eroicamente, dimostrando la propria superiorità schiacciante nonostante la sofferenza patita, e compiendo una prodigiosa rimonta riesce a portare a casa un punto decisivo.


3-2. 2-0 Rising. Puro ossigeno.


  1. Amisano fa a fettine il nostro Jiahao, in versione zombie, che stavolta nella sua prima partita della giornata scende in campo molle e mezzo addormentato, fortunatamente la batosta gli dà una bella svegliata e lo ritempra per i match successivi.


0-3. 2-1 Rising.


  1. Partita fondamentale per ristabilire le distanze. Winfred a mezzo rendimento, dopo l’abnorme fatica, soffre le giocate in velocità di Martina. La giovane prende fiducia e si esalta, in maniera quasi sorprendente il nostro fantasista soccombe senza poter opporre resistenza.


0-3. 2-2 Parità. Punto sanguinoso perso, ora si fa dura.


Cala un silenzio assordante sul terreno di gioco, atmosfera surreale. Subentrano stanchezza e tensione, la partita si tramuta in uno scontro di nervi.


  1. Lo scontro tra i due capitani arriva nel momento clou della giornata. Anche stavolta la differenza tra il loro trascinatore Amisano (4000 punti) e Lorenzo (2200 punti) appare netta. La situazione è disperata, una sconfitta adesso potrebbe essere devastante e compromettere il percorso del giovane team. Per fortuna Lorenzo riesce a gestire l’immensa pressione isolandosi, con sangue freddo sceglie di chiudersi in difesa, unico sistema per poter cercare di arginare il gioco spumeggiante del rivale.

Amisano è spiazzato dal gioco chiuso e consistente di Lorenzo, grazie al suo taglio pesante e ai blocchi indirizzati riesce a strappare il primo set 13-11.

Finito l’effetto sorpresa, Amisano domina il secondo set, portandosi sull’8-1. Molla un pò la presa e Lorenzo ne approfitta, con una straordinaria rimonta raggiunge l’8-8. Timeout speso dall’allenatore del Silver Lining, di qui si gioca punto a punto, fino al 10-12 a sfavore. Lodevole comunque la forza mentale di Lorenzo che dimostra ancora una volta di non mollare mai.

Forza mentale che dimostra nel terzo set, in cui invece di demoralizzarsi si focalizza ancora di più, costringendo all’errore Amisano grazie ad un gioco impeccabile e chiudendo 11-5 con una chiusura mortifera in top e una schiacciata col puntino corto. Miglior set giocato da Lorenzo in tutto il campionato.

Allenatore del Silver che, avendo constatato la solidità di Lorenzo, tira fuori dal mazzo la carta vincente, ordinando ad Amisano di servire ripetutamente in top-side sul dritto di Lorenzo. Mossa superefficace, Lorenzo sbaglia tutte le ricezioni e perde malamente il quarto set 5-11.

Si va al quinto. Per merito sempre di Vale e Yoshi, che spiegano a Lorenzo come ricevere quel servizio, si ristabilisce l’equilibrio. Lorenzo tiene la pallina bassa cambiando intensità di effetto e posizionamento, Amisano forza e sbaglia. 10-6. Sul match point Lorenzo prova un servizio a sorpresa su cui Amisano lo fulmina. 10-7. La nostra panchina chiama il timeout per provare a concretizzare il secondo servizio. Il consiglio è buono ma rischioso, sul più bello Lorenzo sbaglia proprio nel suo punto forte. 10.8. Brutto errore che rischia di costare caro, Amisano col servizio ha l’occasione di riportarsi in parità. Servizio in side-top, bel blocco corto col puntino di Lorenzo, Amisano non può attaccare e comincia uno scambio teso in backspin, Lorenzo decide di appoggiare col puntino per toppare la palla seguente. Non ce n’è bisogno, Amisano legge male lo spin e la butta fuori.

Urla di gioia della panchina. Il capitano ha compiuto l’impresa e può finalmente esultare.


3-2. 3-2 Rising. Trionfo memorabile, il più bello e il più importante, che indirizza per il meglio la giornata, e che potrebbe potenzialmente cambiare le sorti di un’intera stagione.


Gli avversari sono sbalorditi e sconsolati, il capitano avversario con la testa ciondolante e lo sguardo vitreo si risiede impietrito in panchina, piombando in uno stato catatonico.


  1. Grande occasione per le Aquile con Jiahao su Ghioni. All’inizio il talento cinese arranca, sotto col punteggio per tutto il set trova la forza di ristabilire la parità, combattendo con grande agonismo, fino ad aggiudicarselo ai vantaggi. 15-13. Ritrovata la fiducia non delude, impone il proprio gioco muovendo l’avversario con astuzia, dimostrando ancora una volta che non conta quante volte si sbaglia ma come si reagisce a tali errori, grande maturità dimostrata dal 21enne. Jiahao fa tesoro di una partenza in sordina per impostare una tattica di gioco efficace tarata sull’avversario, chiude l’incontro con veemenza e tecnica.


3-0 4-2 Rising. Riscossa immediata della giovane promessa.


  1. Sfida tra i due giocatori migliori delle compagini. Winfred vuole giocarsela, ha le armi per poter contrastare Amisano, tuttavia le basse energie non gli permettono di esprimersi al meglio. Amisano, anche se ammutolito e rassegnato, colpisce con la forza della frustrazione. Incontro senza storia.


0-3. 4-3 Rising. E’ il momento di chiuderla.


  1. Ci affidiamo al nuovo entusiasmo di Jiahao per chiudere la giornata sulla Maso, senza passare dal lotto del nono incontro, sull’eventuale 4-4 potrebbe succedere davvero di tutto. Xu, sulle ali dell’entusiasmo, entra nel flow giusto e macina gioco di alta qualità. Primo set vinto in scioltezza.

Di nuovo le urla dalla panchina del Silver danno una strigliata alla giovane che produce un gioco aggressivo ma frenetico, nonostante alcuni colpi messi a segno dell'avversaria, il pallino di gioco permane sempre tra le mani dell’aquilotto. Jiahao gestisce il ritmo del gioco con concretezza, aggiudicandosi anche questo incontro senza concedere alcun set.


3-0. 5-3 Rising Eagles. La tensione si scioglie e partono i festeggiamenti!


Euforia e grande gioia per un successo tanto difficile quanto meritato, conquistato soprattutto grazie alla tempra e al supporto reciproco del collettivo.



Vittoria fondamentale che certifica la crescita esponenziale e i grandi progressi di tutto il team. La direzione è quella giusta, ora va perseguita preservando l’umiltà e la tenacia mostrate finora, ma con l’obiettivo che a questo punto deve essere puntato con pragmaticità: la promozione.

Tuttavia il calendario non lascia scampo, a gennaio subito match decisivi con un Bonacossa in crescita grazie al talentino Mainardi e ancora il Silver Lining, ferito e rabbioso.


Rising Eagles che, dopo il periodo festivo di meritato riposo, si impegneranno per acquisire maggiore esperienza ed affinare le proprie qualità tecniche e tattiche.

La sensazione è che ci siano ancora ampi margini di crescita e miglioramento per il giovane team internazionale, potenzialità che la squadra vuole realizzare per farsi trovare pronti e competitivi per vincere tutte le partite anche nella seconda parte del campionato, impresa non facile ma alla portata.


Rising Eagles stanno scrivendo una piccola pagina della storia delle Aquile Azzurre, la storia di un team di debuttanti, amici con un grande cuore e una passione incrollabile, che ha fatto del gruppo la fonte di inesauribile energia e fiducia. Speriamo tutti possa essere la prima di una lunga serie sia per la loro squadra, che per tutti i nuovi giovani team che verranno, facendosi carico di questo meraviglioso sogno sportivo che tutti noi condividiamo.


Ringraziamo tutti i compagni e gli appassionati.

Ci vediamo sabato per i festeggiamenti!


Lorenzo Marchini, the Captain