10/12/2021

D3 Gir. D: Rising Eagles - San Giorgio Limito 5 - 0
ci sono 0 commenti ci sono state 178 letture

La favola continua.


Subito dopo i sorprendenti risultati del torneo a Trezzano, la giovane formazione di debuttanti continua nel proprio vincente percorso fin qui immacolato, mettendo a segno un successo perentorio contro il fanalino di coda del girone.


Complice lo scarso stato di forma di Winfred, reduce da un infortunio, il capitano Lorenzo decide di lasciarlo a riposo in panchina in veste di coach, anche per preservarlo in vista del match di cartello della settimana seguente con il Silver Lining dell’ex Amisano.


Yoshiki Breznay prende il suo posto da titolare, sostituendolo egregiamente, mentre Jiahao scala in formazione dal numero 2 al 3 per consentire al capitano di prendere ritmo gara e provare un gioco più coraggioso.


Comincia il match.


Il capitano Lorenzo si incarica di lanciare il primo segnale.

Ruggeri, schierato per la prima volta dal Limito, lo mette inizialmente in apprensione, tuttavia il proprio gioco concreto ed efficace condito da insidiosi servizi mette ben presto l’avversario in enormi difficoltà. 11-3.

La panchina, vista la netta differenza mostrata in campo, gli suggerisce durante la pausa di testare un gioco offensivo. Il gioco aperto e le imprecisioni del capitano, in uno stile di gioco a lui non congeniale, favoriscono l’avversario, che però non ne approfitta e perde nettamente anche secondo e terzo set. 


3-0. 1-0 Rising. 


Seconda partita in cui un Jiahao in forma smagliante annichilisce completamente l’avversario Mazzetto. L’incontro scivola via in scioltezza senza particolare agonismo. Tutto troppo facile per la stellina cinese.


3-0 2-0 Rising.


Yoshiki si trova di fronte l’avversario più ostico del team di Pioltello, Fumagalli.

Il talento giappo-ungherese parte a mille con un gioco aggressivo ma rischioso, su cui però Fumagalli si dimostra a proprio agio, bloccando consistentemente i top di dritto e aspettando l’errore del nostro compagno. Strategia efficace, nonostante l’ottimo gioco mostrato, Yoshi perde il primo set 9-11.

La panchina consiglia di alternare servizi e top con dritto e rovescio, con potenza e spin alternati per spiazzare l’avversario.

Detto, fatto.

L’arsenale di colpi di Yoshi si rivela essenziale per mettere alle corde Fumagalli, che non riesce a controbattere in maniera proficua.

D’altro canto lo stile di gioco a tutto gas procura anche diversi errori a Yoshi che riesce ad aggiudicarsi il secondo set solo 14-12, pur dominando.

La panchina, a questo punto, consiglia a Yoshi di portare avanti la tattica ma di abbassare la frequenza del motore per ridurre i punti regalati, poiché Fumagalli dà l’impressione di non riuscire più a contenere il suo gioco. Altra buona lettura, Yoshi continua a sfoderare colpi con ottima tecnica, moderando la potenza e migliorando il piazzamento. Riesce ad aggiudicarsi il match vincendo i set seguenti 11-8, 11-9, nonostante Fumagalli non molli mai la presa. 


3-1. 3-0 Rising. 

Crescita esponenziale e maturità dimostrata da Yoshi, vincendo contro un avversario con uno stile di gioco a lui sfavorevole.


Cambio nel Limito, fuori un Mazzetto in difficoltà, dentro il capitano Broccoli per disinnescare lo stile di gioco fastidioso di Lorenzo.

I due capitani si affrontano in un match a doppia faccia.

Il primo set è una mattanza, Lorenzo affina con precisione i servizi insidiosi alternandoli a regola d’arte e ingannando a ripetizione Broccoli, che non ne prende uno e chiude 2-11.

Secondo set in cui quasi non si gioca: Broccoli capisce come sfruttare il puntino corto di Lorenzo a proprio vantaggio e attacca facendo punto su tutte le terze palle sul proprio servizio. Tuttavia la sua percentuale in ricezione rimane assai scarsa, e, complici anche una retina e uno spigolo fortunosi di Lorenzo, perde anche il secondo set, questa volta di misura 8-11.

Terzo set in cui Lorenzo trova le contromisure al gioco offensivo di Broccoli, alternando palle molto tagliate sul dritto dell’avversario che le scaglia in rete, a palle lunghe piazzate col rovescio che tira spesso fuori nella foga di recuperare. Inoltre, non riuscendosi ad adattarsi al nuovo gioco intelligente di Lorenzo, gli fornisce palle facili da attaccare, su cui Lorenzo chiude.


3-0. 4-0 Rising. Lorenzo mostra piccoli progressi, ma con ancora diverse lacune nell’uso del nuovo puntino corto. L’impressione è che, se colmate, l’efficacia del suo gioco possa crescere a dismisura.


Yoshi si presenta fiducioso e determinato al match point della giornata con Ruggeri.

Stavolta esprime fin da subito un gioco più pragmatico, integrando alla tecnica la precisione. Ruggeri, apparso più in difficoltà all’esordio, dimostra invece una buona tenuta difensiva e costringe Yoshi all’1-1.

Il miglior tennistavolo della giornata lo sfoggia Yoshi nei due set successivi, sfruttando al meglio il gioco tagliato di Ruggeri su cui attua un gioco letale soprattutto grazie al top di rovescio rodato in allenamento. L’avversario arranca e soccombe ad un Yoshi sugli scudi. Giornata assai positiva per il giovane talento nostrano.


3-1. 5-0 Rising Eagles. Grande dimostrazione di forza del collettivo.


Dopo quattro giornate gli aquilotti si issano a punteggio pieno in testa al girone, con Silver Lining e Morelli dirette inseguitrici.

Il grande merito si deve all’unione e l’amalgama di squadra che ha consentito al club esordiente di vincere e bene facendo ruotare tutti i componenti.

Ciò nonostante non c’è tempo di esaltarsi eccessivamente, a brevissimo ci sarà lo scontro diretto col Silver Lining, match già decisivo per le sorti del girone.

Rising Eagles ci arrivano con la leggerezza di chi gioca sull’onda dell’entusiasmo e con la consapevolezza di potersela giocare a viso aperto con qualsiasi giocatore.


Appuntamento a domenica per un altro grande test di squadra.

Forza Rising Eagles. Forza Aquile Azzurre.


Grazie a tutti per il supporto.


Lorenzo Marchini, the Captain