03/02/2020

D1 Young Eagles: We Can Be Heroes!
ci sono 0 commenti ci sono state 102 letture

Alla fine del primo set, perso con ignominia e senza scusanti, ho incrociato lo sguardo di Pier e Francesco. E’ in quel momento che un intimo senso di amarezza e sconfitta mi ha pervaso; non tanto per il risultato che stava maturando ma per il pensiero che i miei due vecchi amici lasciassero il passo alla rassegnazione e non alla speranza.

Invece, avevo sottovalutato la sensibilità di quei due eterni ragazzi.

Eppure sono trascorsi almeno 14 anni, qualcosa è cambiato nella vita di tutti, ognuno di noi ha affrontato, vincendo o perdendo, sfide diverse. Cadendo e rialzandosi, ma sempre rimanendo a galla.

Invece, per quei due, io rimango sempre quel ragazzo più piccolo che non ha ancora 30anni e deve essere incoraggiato, consigliato, spronato al pari dei più giovani compagni di squadra.

L’amicizia è uno degli ingredienti principali della vita, è un rapporto fatto di fiducia, affetto e reciproca scelta. Si ferma per anni, poi la innaffi e torna più rigogliosa che mai. Ancor più di altri sentimenti, assume un rapporto di parità e, prima di chiedere, presuppone di poter dare qualcosa, anche non fisicamente tangibile, ma concreta.

Il caldo pomeriggio milanese non ha riservato particolari preoccupazioni ma ha destato in ognuno di noi la consapevolezza di essere “quelli da battere”, prima fuori dal campo e dopo sul tavolo.

Non c’è stata molta storia nelle mie partite, benché meno in quelle dei mie compagni ma un episodio vale la pena di essere ricordato.

Emanuele perde 7-5 nel 5° set. Penso: se perde un altro punto chiamo il time-out. Nel momento in cui l’avversario vince l’ottavo punto, la mia voce e quella di Francesco risuonano all'unisono nella palestra, senza esserci mai parlati. Ci diamo il “cinque”, gli diamo due consigli, Emanuele vincerà set e partita.

Nella lunga settimana che precede lo scontro diretto con i nostri più validi avversari, ci arriviamo con una giusta carica nervosa e consapevoli di dover dare il meglio. Senza scuse, con coraggio, senza paura alcuna.

Though nothing will drive them away / Anche se niente li porterà via
We can beat them, just for one day / Li possiamo battere, anche solo per un giorno
We can be Heroes, just for one day / Possiamo essere eroi, anche solo per un giorno

(1977 - D. Bowie – Heroes)

vincenzo