26/02/2019

D2 gir.H: Gaudenti-Bonacossa D 5 - 4
ci sono 0 commenti ci sono state 47 letture

E’ una partita fondamentale quella che attende gli aquilotti alla terza giornata del girone di ritorno: la sfida in trasferta al Bonacossa ha tutto il sapore di uno scontro diretto tra 2 formazioni che vogliono evitare lo spauracchio della retrocessione. La (faticosissima…) sveglia alla domenica mattina non può essere una scusa: servono i 2 punti per dare slancio alla classifica.

I Gaudenti si schierano a Mecenate con CapitanMax, Enrico e Marco, mentre Max è pronto a subentrare. Nadia e Donatella come sempre sono a consigliare e tifare dalla panchina. Il Bonacossa risponde in formazione tipo, con l’ancora imbattuto Monari (18 su 18..), Milicia e Gamelli. Gli attenti lettori prendano nota di quel ragguardevole 18 su 18 di Monari, non è stato scritto per caso…….

Apre le danze Marco contro Milicia. L’aquilotto è fin da subito in gravi difficoltà: subisce i servizi dell’avversario e si lascia infilzare da attacchi di dritto e di rovescio. Marco è passivo, reagisce solo in parte nel terzo set (onestamente regalato da Milicia), ma non riesce mai ad entrare del tutto in partita. 3-1 Milicia ed è una sconfitta che pesa tantissimo in previsione dei probabili 3 punti di Monari. 1-0 Bonacossa.

Tocca a CapitanMax sfidare Monari. E’ una partita complessa, il pronostico gioca a sfavore del capitano stratega degli aquilotti. CapitanMax perde abbastanza nettamente i primi 2 set, ma dal terzo cambia tattica, offrendo palle molli e corte all’avversario: sembra una svolta perché il gioco del capitano imbriglia gli attacchi di Monari che cede il terzo parziale. Nel quarto si va punto a punto e sulla panchina aquilotta si inizia a pensare al colpaccio. Ma l’esperienza (e la classe) di Monari è notevole, e nonostante gli sforzi di CapitanMax chiude 11-9. 19 vittorie su 19 partite per Monari e 2-0 Bonacossa.

Chiude la prima rotazione Enrico contro Gamelli. L’alfiere del Bonacossa sfodera attacchi di dritto ben calibrati ma abbastanza prevedibili nella direzione. Enrico risponde su ogni palla e complessivamente ha più armi. Nonostante le gomme nuove con le quali necessita ancora un po' di rodaggio, l’aquilotto riesce a mettere in campo variazioni di gioco che gli permettono di chiudere con un periodico 11-9. 2 – 1 Bonacossa.

Tocca a Marco provare a rifarsi dopo la prima brutta prestazione. L’incontro con Monari è proibitivo, ma l’aquilotto parte almeno con un po' di carica in più ed arriva a set point nel primo parziale… sciupandolo. Il gioco a scambio di Monari è di livello superiore a quello di Marco, e l’unica cosa che l’aquilotto riesce a portare a casa è qualche scambio spettacolare, ma nulla più. Monari fa 3 – 0, ed arriva a 20 su 20. 3 – 1 Bonacossa. La situazione inizia ad essere complicata…

Tocca ad Enrico contro Milicia provare a riportare in partita i Gaudenti. L’incontro è lottato, con Enrico che attacca ma con Milicia che è in grado di tenere vivi gli scambi e contrattaccare. Il primo parziale è a favore dell’aquilotto, ma Milicia sembra davvero in palla e sicuramente cresciuto rispetto alla partita di andata. Alcuni attacchi sono molto veloci e mettono in difficoltà l’aquilotto che deve cedere i successivi 3 parziali.  4-1 Bonacossa. Gli avversari a 4 punti, con Monari che deve ancora giocarne una: la situazione sembra assolutamente compromessa e gli aquilotti iniziano a fare ragionamenti e conteggi sul calendario delle prossime partite del girone..

Per chiudere la rotazione ed annullare il primo match point per il Bonacossa, Max sostituisce CapitanMax che deve anche assentarsi per impegni di famiglia. Che dire…la sfida contro Gamelli è assolutamente senza storia grazie alla concentrazione, grinta e precisione di Max. Il puntino è un’arma micidiale e gli attacchi di dritto sono infallibili. In 3 set Gamelli racimola appena 10 punti complessivi.. 3 – 0 Max e 4 – 2 Bonacossa.

La terza rotazione si apre con l’incontro tra Enrico e Monari: in molti pensano che questa partita chiuderà la sfida…..molti…..ma non Enrico! L’aquilotto entra in campo consapevole di dover compiere un miracolo, ma non sembra affatto spaventato, anzi. Inizia attaccando l’avversario e porta a casa il primo parziale quasi in totale scioltezza. Monari si riprende, ma Enrico non molla un punto. Enrico attacca, Monari sembra ribattere e bloccare ogni colpo, ma l’aquilotto ne ribatte sempre uno in più e raccoglie punti su punti. La panchina inizia a crederci e in un’altalena di emozioni si arriva al quinto set. Qui più che di emozioni si parla proprio di ansia pura e semplice. Ogni punto è una battaglia, ma l’aquilotto non teme la sfida ed il rango dell’avversario. Parte avanti nel set, costringe Monari al time out, ma mantiene la concentrazione per i punti decisivi. Si arriva al match point.. anzi ce ne sono 3 consecutivi per Enrico. Ma ne basta solo uno, ed è un’esplosione di gioia sia in campo che in panchina! E’ una partita clamorosa di Enrico che infligge all’amico Monari la prima sconfitta stagionale, ma soprattutto tiene viva la speranza per i Gaudenti! 4 – 3 Bonacossa.

Tocca a Marco cercare di portare il punto del pareggio affrontando Gamelli. Sulla carta Marco parte favorito, ma sul campo non sembra proprio sia così. Marco è ancora una volta passivo, e quando prova ad attaccare sbaglia palle anche facili. Perde il primo set da una situazione di vantaggio ed inizia a temere di gettare al vento l’impresa di Enrico. I timori aumentano quando perde anche il secondo set 11-6. La panchina prova a scuotere l’aquilotto, ma il suo gioco non migliora. Eppure Gamelli inizia a sbagliare qualcosa in più e così l’aquilotto rientra in partita nel terzo parziale. Quarto e quinto set si giocano in una tensione palpabile. Marco non riesce davvero a giocare come dovrebbe, ma ad ogni modo riesce ad imporsi 11-3 e 11-5 facendo tirare un grosso sospiro di sollievo a tutti gli aquilotti. 4-4.

Si arriva così alla partita decisiva: Max contro Milicia. Lo stato di forma di Max è tale per cui gli aquilotti sono sereni, ma l’avversario non è assolutamente da sottovalutare avendo già battuto Marco ed Enrico. Ma nessun ostacolo può fermare il Max di questo periodo. Concentrato, attento ed aggressivo, Max gioca di puntino ed infila l’avversario con il dritto alla prima occasione. Milicia prova a controbattere, ma Max è in assoluto controllo della situazione. A referto non si registra nemmeno un errore nelle schiacciate di dritto da parte di Max e la partita scivola via in 3 parziali lottati sì, ma durante i quali Max ha sempre dato la sensazione di portarli a casa. L’urlo finale dopo il match point sigilla una rimonta notevole, 5-4 Aquile!

Si tratta di una vittoria importantissima per la classifica, ma soprattutto arrivata in maniera inaspettata rimontando da 4-1 sotto grazie al contributo di tutti. La salvezza è ancora tutta da conquistare, anche se si è fatto un grosso passo in avanti: lo stato di forma degli aquilotti (Marco escluso…) però lascia ben sperare! Ora sotto con gli allenamenti, e tra 2 settimane altra partita fondamentale con il Bonola.

Forza Aquile!

Marco