25/04/2024


Gomez è tornato: le Fearless sbancano anche Pieve Emanuele!
ci sono 0 commenti ci sono state 217 letture

Gomez is back. Dopo due mesi di attesa, la vincente mediazione del faccendiere Meduri (che chiude il secondo caso di successo dopo l’Affaire Marcolini), i  lunghi colloqui telefonici ed una trattativa che stava per saltare per alcuni dettagli, il corpulento atleta (!) svizzero torna definitivamente a disposizione di Mr. Offredi.

L’ingresso nella tana del Pieve non lasciava comunque ben sperare: occhialoni Ray-Ban rubati al Capitano Offredi, ventre visibilmente pronunciato dopo un pranzo da campioni, cuffie da DJ anni ‘90 e divisa da gelataio per esaltare la dorsale oplitica ne regalavano un’immagine più da “turista per caso” che da Campione Regionale. Inoltre, la contestuale e giustificata assenza della vecchia guardia (Leuci e Gala), non lasciava dormire sonni tranquilli alle decine di tifose intervenute nel caldo pomeriggio pavese.

Fortunatamente, le vittorie del redivivo doppio Marcolini/Gomez ed il punto senza appelli contro il bravo Piras, mettevano subito a tacere ogni illazione sull’impegno di Big-Jordi. L’assonnato lupacchiotto concedeva un set a Yonathan prima di siglare il 3-0 e dare spazio a Meduri che cedeva a De Crescenzo ed al triste Mr. Offredi, abbacchiato perché privato controvoglia del doppio, opposto a Piras. Toccava di nuovo a Mr. 100% chiudere la contesa contro De Crescenzo lasciando la passerella a The Hammer per il 5-2 finale.

Adesso la lotteria dei playoff con rinnovata energia, spirito di squadra e certezza di poter giocare le proprie carte contro le migliori formazioni lombarde.

Le Pagelle (in rigoroso ordine alfabetico)

Gomez voto 8: quando i compagni intravedono l’imponente sagoma in controluce un vento di speranza spazza Piazza Puccini in quel di Pieve. Dopo due mesi in cui si è detto tutto ed il contrario di tutto, Gomez riappare e non lascia scampo agli avversari grazie ad un’esuberanza fisica mai vista prima e colpi da Gran Maestro intervallati solo da qualche passaggio a vuoto derivante dalla ferrea dieta cui è stato sottoposto da Mr. Offredi. Intervistato a fine partita giura amore eterno alla sua donna ed alle Aquile, binomio imprescindibile per future vittorie. FEDELISSIMO

Marcolini voto 7: l’airone romano è ormai un punto fermo nella strategia di Mr. Offredi che, per la prima volta dopo le sciagurate e discusse scelte dello scorso anno, gli concede l’onore di decidere la formazione. Furbamente, il centurione romano non si lascia scappare l’occasione e torna al vecchio amore del doppio con Jordi promuovendo Hammer titolare e relegando in panchina l’attonito Mister. Il Karma prova a punirlo quando gioca un primo set da film horror nel suo singolare ma, fortunatamente, la riaccensione dei (pochi) neuroni non provoca ulteriori danni.  Chiude il pomeriggio disteso sugli spalti della palestra, boccheggiando e senza la forza di inveire contro l’amico Meduri per l’ennesima occasione persa”: ASSONNATO.

Meduri voto 6,5: buona la seconda per il martello calabro, troppo frettoloso e senza idee nella veloce sortita contro De Crescenzo a dispetto di una maggiore concretezza contro Yonathan che chiude un campionato positivo seppur con qualche rimpianto di troppo. Da segnalare che i compagni non smettono mai di incitarlo, coscienti che i tremendi fantasmi di Caforio e Frugis incombono pericolosamente nella terribile settima partita, e, come promesso a Big-Jordi dopo la disfatta Vigevanese, finalmente arrivano prestazione e risultato: BUONI AUSPICI

Offredi voto 6: mezzo voto in più solo perché si sobbarca una trasferta per puro spirito di squadra e, anti-convenzionalmente, delega a Marcolini ogni decisione tecnico/tattica. Il Mr. Offredi del pomeriggio di Pieve è la brutta copia del dinamico ed incisivo atleta ammirato nelle ultime giornate di campionato: poco pathos, niente controllo, poche soluzioni sono gli ingredienti di una partita finita troppo presto. A sua parziale discolpa, lo spirito ormai vacanziero della trasferta e la fiducia ben riposta negli altri membri della squadra: PAUSA DI RIFLESSIONE


vince