28/11/2016


C2 stellare contro l'Urania
ci sono 0 commenti ci sono state 410 letture

La C2 torna al successo sgretolando letteralmente la forte formazione dell'ex Berchi. Così gli aquilotti: Doria, Chen, Gussoni. Rovelli purtroppo non è disponibile perchè lievemente indisposto. L'Urania risponde con De Luca, Berchi, Nazzari. Bonardi in panchina. Inizia le danze Cacio opposto a Nazzari. Il nostro parte a razzo e si concede addirittura il lusso di sfidare l'esperto uraniano sul dritto. Silvio ci tiene a dimostrare che è di nuovo in forma e ci riesce alla grande: attacca ogni palla e i pochi palleggi che si concede sono solo delle brevi parentesi tra una fucilata e l'altra. Nazzari fa di tutto per rimanere in partita ma oggi per arginare Cacio non basterebbero la Grande Muraglia Cinese e la linea Maginot messe insieme. L'aquilotto porta a casa l'incontro in soli tre set facendo vedere un tennistavolo di notevole livello. Aquile 1 – Urania 0, bentornato Cacio ! L'Urania ha mescolato un po' le carte per cercare di contrastarci, ecco perchè il secondo incontro vede opposti Gussoni e Berchi. Probabilmente Maurone ha fatto presente che in allenamento ha quasi sempre vinto ma ovviamente ha omesso un particolare che ormai alle aquile tutti sanno: Demolition Man in allenamento non gioca mai per vincere...in particolare quando perde ! La partita che conta affina i riflessi e ingigantisce la determinazione dell'aquilotto che entra in campo con l'idea di forare il tavolo e probabilmente anche il pavimento. L'atteggiamento è giusto ma tirare ogni palla non è esattamente una strategia molto promettente se non ci si chiama Ma Long. L'uraniano si aggiudica il primo set 11-5 senza fare nulla di straordinario. Nella pausa fortunatamente Cacio suggerisce a Demolition Man di alzare il piede dall'acceleratore per vedere cosa succede. Dal secondo set la musica cambia, l'aquilotto mantiene sempre l'iniziativa ma non spara più a casaccio. Gli attacchi sono molto più precisi e i risultati si vedono: i tre set successivi se li aggiudica tutti Gussoni che chiude il match bloccando proprio uno dei pochi dritti giocati da Berchi. Aquile 2 – Urania 0. Chiude la prima rotazione il Dragone opposto a De Luca. E' l'apoteosi: Leonardo annichilisce letteralmente l'esperto De Luca disputando l'ennesimo incontro da incorniciare. La partita è molto spettacolare e solo nel primo set l'uraniano riesce a limitare I danni, nel secondo e terzo set il Dragone dilaga a si aggiudica l'incontro in assoluta scioltezza. Aquile 3 – Urania 0. Rientra in campo Gussoni questa volta opposto a Nazzari. L'incontro è a senso unico nei primi due set perchè l'uraniano soffre troppo il servizio di Demolition Man. Nel terzo invece Nazzari oppone una maggiore resistenza ma non è abbastanza per invertire le sorti dell'incontro. Aquile 4 – Urania 0. Cacio a questo punto ha la possibilità di dare il colpo di grazia ma De Luca non offre la necessaria collaborazione. I due si conoscono bene e De Luca gioca una partita strategicamente corretta spingendo sistematicamente Cacio all'errore. La tattica attendista purtroppo fa effetto e Silvio a tratti si innervosisce troppo arrivando a sbagliare anche 4 servizi nello stesso set. Purtroppo il nostro riesce ad aggiudicarsi un solo set, il primo, ma poi deve ammainare bandiera bianca pur avendo disputato un buon incontro. Aquile 4 - Urania 1. L'onore del tap-in spetta quindi a Leonardo che contro Berchi si supera. Anche la panchina avversaria lo applaudisce e questo la dice lunga sulla qualità del gioco espressa dal nostro aquilotto. L'ex Maurone è letteralmente travolto dallo tsunami Chen e riesce a portare a casa un solo set. Aquile 5 - Urania 1. 

Ottima prestazione della squadra che serve a risollevare il morale dopo la battuta di arresto della giornata precedente. Un ringraziamento sincero ai nostri avversari per la sportività dimostrata. 

 

Demolition Man